FILCTEM-CGIL

Benvenuti nel sito ufficiale della FILCTEM-CGIL dedicato al comparto chimico e farmaceutico della provincia di Catania. Questo blog è un prodotto amatoriale, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale; ad esso non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47 né, tantomeno, l’art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62, poiché l'aggiornamento dei testi non ha periodicità regolare. Questo sito è espressione ufficiale della FILCTEM CGIL di Catania ed è curato da un apposito Comitato di Redazione in accordo alle linee politiche della Segreteria Provinciale.

lunedì 4 giugno 2012

DETASSAZIONE SALARIO DI PRODUTTIVITA':GRAVISSIMO IL DECRETO DEL GOVERNO


DETASSAZIONE SALARIO DI PRODUTTIVITA': 
GRAVISSIMO  IL DECRETO DEL GOVERNO
Morselli (Filctem-Cgil): “Così si riduce la platea dei lavoratori che possono fruire di un alleggerimento fiscale sugli importi variabili di retribuzione”



"E' gravissima la decisione presa dal Governo, che riduce pesantemente le soglie salariali per la detassazione delle parti della retribuzione legate alla produttività: in una parola, il salario netto”. E' il commento di Alberto Morselli, segretario generale della Filctem-Cgil, al decreto pubblicato ieri sulla “Gazzetta Ufficiale”.

"Questo provvedimento passato sotto silenzio - e senza alcun confronto con le organizzazioni sindacali - è l'ennesimo colpo che questo esecutivo infligge ai lavoratori". "Dopo aver tanto parlato, evidentemente a sproposito, della necessità di far aumentare le retribuzioni attraverso gli aumenti di produttività aziendale, questo provvedimento – rincara la dose il sindacalista -  rappresenta la beffa, oltre al danno: ancora una volta il lavoro ne risulterà gravemente colpito".

"Nei nostri settori – conclude Morselli -  molte aziende, in attesa dei decreti attuativi, hanno continuato a detassare le retribuzioni per la parte del salario di produttività con i precedenti riferimenti. Ora i lavoratori rischiano un pesante "conguaglio" a fine anno che penalizzerà drammaticamente la loro già difficile condizione economica".

Roma, 1 giugno 2012

Nessun commento: